La sensibilità verso gli animali sta cambiando e si stanno sempre più affermando comportamenti e stili di vita che prestano grande attenzione al benessere animale. Tuttavia i consumi di carne in continua crescita possono essere soddisfatti soltanto da allevamenti di tipo intensivo che comportano grosse concentrazioni di capi, mangimi sempre più spinti e sofisticati, cure preventive massicce, deforestazione. Quali sono invece una forma di allevamento e un livello di consumo compatibili con l’ambiente e con il rispetto del benessere animale? Ne parliamo con esperti, rappresentanti di istituzioni internazionali, allevatori e consumatori. Durante la conferenza saranno presentati i risultati di un sondaggio presso cittadini e produttori europei. Questa conferenza è realizzata grazie al supporto dell'Unione europea

Modera: Anne Marie Matarrese, Slow Food

Intervengono:
Daniela Battaglia
, Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione
e l'Agricoltura (FAO)
Andrea Gavinelli, Direzione generale Salute e consumatori, Commissione
europea
Silvio Greco, docente produzioni animali, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo
Annamaria Pisapia, Compassion in World Farming Italia
Piero Sardo, presidente Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus
Martina Tarantola, Università degli Studi di Torino
A seguire, esperienze di alcuni allevatori dei Presìdi Slow Food