Stalle di 35 mila frisone in Idaho, 85 mila in Arabia Saudita, 100 mila (presto) in Cina: l’industria mondiale del latte è ammalata di gigantismo. Anche in Europa la tendenza è questa: produrre enormi quantità di latte a costi sempre più bassi, lucrando anche sugli introiti garantiti da impianti di biogas che bruciano le deiezioni di migliaia di vacche. In Francia la Confédération Paysanne ha detto no all’industrializzazione dell’agricoltura, e la sua protesta contro un grande stabilimento vicino ad Amiens ha avuto echi internazionali. A Cheese racconta la battaglia contro l'Usine des mille vaches.

Modera Eugenio Mailler, Slow Food Francia

Intervenono:
Laurent Pinatel, portavoce Confedération paysanne
Bruno Bernardi, direttore Associazione produttori latte del Veneto

Traduzione simultanea inglese, italiano e francese